TESTIMONIANZE

Testimonianze del Corso di Formazione in aula "L'Allenatore Vincente"


L'esito molto positivo del lavoro fatto con un atleta U17 di tennis da me seguito.

"Non mi era mai capitato di toccare il fondo…è una brutta sensazione, che ti soffoca, che non ti fa capire la cosa giusta da fare, che acceca la tua mente.
Ci sono innumerevoli difetti nel toccare il fondo, così tanti che per elencarli ci vorrebbe una vita. Nonostante questo si possono evidenziare alcuni vantaggi, per non definirli pregi. Uno di questi è la certezza che una volta toccato il fondo puoi solo risalire. Per risalire però è importante tener conto di tutte le cose che ti hanno portato a toccare il fondo. Per far ciò ho raggruppato tutti questi fattori, sia buoni che cattivi, in un unico oggetto capace di farmi ricordare, in ogni momento, qual è il mio obiettivo: RISALIRE. […]"

Luciano

Dr. Paolo Tirinnanzi, ringrazio ancora per la bella esperienza che ho vissuto ieri, spero di riuscire a mettere in atto qualche piccolo accorgimento relativamente a tutto quello che racchiude la gestione psicologica dei miei ragazzi........11 etnie, 4 religioni e 6 lingue è un'esperienza che vale triplo.
Claudio P.

Penso che il corso sia stato molto utile e soprattutto importante per una crescita sia come allenatrice ma anche come persona...allenatori non si nasce ma si diventa e ulteriori conoscenze anche dal punto di vista psicologico risultano essere indispensabili soprattutto perchè abbiamo a che fare con atleti, individui e personalità differenti, diverse ed uniche. Un ulteriore approfondimento sotto questo aspetto risulta essere a mio avviso importante...grazie!
Carlo M.

Dopo il corso ho sempre con me nella cartellina degli allenamenti anche il famoso foglio con i 10 punti che ho ripetuto ogni giorno (quasi) davanti allo specchio per tre mesi! Mi é stato davvero di aiuto, all'inizio era difficile farlo, la mia mente era contraria, ma ora devo dire che l'approccio con le ragazze e' diverso, sono più attento alla sfera psicologica, cerco sempre di pensare in 2° o 3° persona per trovare soluzioni ai problemi.
Roberto T.




MEDIA e GIORNALI

Allenatore





Psicologo